Caricamento immagini...

Riflessioni

Del Gruppo Passion for Watches su Linkedin fanno parte coloro che per passione o per lavoro si occupano di orologi. Tra loro c’è John Henderson di Tempus Fugit che ha scritto un lungo articolo, o meglio uno sfogo, sul settore dell’orologeria analizzando Baselworld e il comportamento delle Maison orologiere.

John Henderson wrote a good article and we agree with many points; in effect merits and faults are not in a single place as I saw having attended 30 Baselworld every year from 1988 to 2017.

Come è normale colpe e meriti non sono mai tutti da una sola parte e dal 1988 sino al 2017 per 30 anni ho avuto modo di constatarlo come giornalista anche a Baseworld. L’ottimo servizio di ufficio stampa offerto gratuitamente in Fiera da Darwel (e quindi da una parte delle Cae orologiere svizzere e dalla Fiera che se non altro mette a disposizione lo spazio) non trova altri riscontri; almeno 4 volte però il luogo destinato alla stampa è stato modificato a favore degli espositori. Cosa per altro molto logica sotto il profilo del bilancio fieristico. Il lavoro della stampa è un po’ come quello delle casalinghe, guai se non ci fosse, ma non viene considerato come sarebbe giusto.  D’altro canto molti rappresentanti della stampa spesso a Baselworld hanno esagerato con telefonate gratis in tutto il mondo e bevande a gogò con il risultato che è stato messo un giusto freno a entrambe. Inoltre i tempi cambiano: la rete mostra le novità in tempo reale, i viaggi costano, non vanno sottovalutate le preoccupazioni per il terrorismo e fiere locali, più o meno grandi, o esposizioni organizzate privatamente da qualche Marchio, hanno trovato il loro spazio. E se a tutto ciò si unisce il comportamento della ricettività alberghiera locale si arriva al fatto che tirando troppo la corda questa si strappa, filosofia spicciola ma reale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *