Caricamento immagini...

Tag: Patek Philippe

Riflessioni: 1934-2022

E sono 88! una cifra rispettabile che non credevo di raggiungere.
A 11 anni un eminente cardiologo disse che, negli anni a venire, con il mio cuore avrei dovuto stare attenta; in pratica niente sport, niente matrimonio, niente figli…però anche i luminari sbagliano; il medico di famiglia disse: proviamo a togliere le tonsille… il cuore guarì e dopo sposata sono nati Paola e Lorenzo.
Da ragazza ero nella pre-agonistica femminile al Rifugio Livrio e in Valtellina con il marito-collega, abbiamo ideato i Mondiali di sci e pubblicato quello che, forse, è stato il primo network lombardo di giornali (copriva Bormio, Livigno e la Valfurva, mentre i suoi fratelli, con pagine differenziate, si occupavano dell’Aprica e della Valmalenco). Ho sempre guidato la macchina, sono stata una delle guide sicure femminili della rivista Quattroruote, prendendo parte a iniziative promozionali ideate dal direttore, Gianni Mazzocchi (la Milano-Roma-Napoli-Milano sull’Autostrada del Sole non ancora tutta aperta al traffico, una staffetta in cui le ragazze si alternavano alla guida di nuove Fiat 600 “rigorosamente di serie”, anche se Madaro, caporedattore della rivista aveva commentato a bassa voce “sì e Gesù Bambino è morto di raffreddore”; il Passo dello Stelvio da Bormio a Trafoi e ritorno, a tutto gas, con una Primula). Con mio marito facevamo anche gare di regolarità con la nostra Fiat 600 – truccata da un meccanico detto “Veloce” – su strade sterrate che avrebbero terrorizzato mia mamma invece tranquilla perché si trattava di “regolarità”.
Dai motori agli orologi con movimento meccanico il passo è stato naturale, anche se ci sono stati lunghi intermezzi con le roulotte e la motonautica. Dal 1987 al 2012 sono stata per 26 anni Direttore Responsabile della rivista bimestrale orologi da POLSO e, dopo la sua chiusura, ho aperto in rete nel 2013 soloPolso, dove sono libera di scegliere e scrivere quello che voglio; quindi mi diverto (ma mi tengo anche occupata su un argomento che mi piace).
Ho incontrato e intervistato molti Grandi dell’orologeria (tra i tanti: Philippe Stern e suo figlio Thierry, Antoine Preziuso, Vincent Calabrese, J.C.Babin prima CEO di TAG Heuer e poi di Bvlgari, Fawaz Gruosi proprietario di De Grisogono, Karl Friedrich Scheufele copresidente di Chopard, Hannes Pantli CEO di IWC, Georges Kern CEO di IWC e poi comproprietario di Breitling, Michel Parmigiani, F.P.Journe, Maximilian Busser, J.C.Biver e con questo ebbi un divertente scambio di lettere; nel 1989 con toni seccati si lamentò perché non avevo ancora scritto di Blancpain “il più antico marchio orologiero” e mi mandò dei ritagli di giornali italiani, peccato che la produzione fosse stata a lungo interrotta, mentre quella di Vacheron Constantin non si è mai fermata, ma, soprattutto, perché su tutti i ritagli c’era il filetto che allora distingueva l’inserzione pubblicitaria a pagamento… tra quelli che ci hanno prematuramente lasciato ricordo Gino Macaluso, Claude Proellochs, Nicholas G,Hayek
Oggi molte delle aziende sono guidate da nuove generazioni perché l’orologeria è tuttora vivace e piena di sorprese. A proposito di gioventù nella foto sotto la testata avevo solo 75 anni, oggi sono diversa; colpa della pandemia, che ci ha rubato due anni di vita e di qualche inevitabile acciacco alle giunture (mia figlia mi tiene sotto una campana di vetro come le antiche pendole) ma spirito e cervello sono ancora quelli di un tempo. Grazie per gli auguri arrivati da molti giovani amici (dI coetanei ne sono rimasti pochi, purtroppo). così arrivederci al 2023 o per i 90. Nel frattempo, buona lettura su soloPolso con gli insuperabili e affascinanti oggetti del tempo che passa.    



Patek Philippe: 5470P

La puntualità è la cortesia dei Re e, in epoca web, è sempre divertente vedere la velocità con la quale passa il tempo, mentre aspettiamo di conoscere il lancio di una novità tecnica di Patek Philippe, che proprio oggi inaugura a Ginevra la mostra, aperta al. pubblico, delle novità 2022 nella produzione dell’Alto Artigianato. Si è anche conclusa la rassegna Watches and Wonders al Palaexpo dove, per la prima volta, ha esposto anche Patek Philippe, che vi ha presentato le novità 2022, tenendo però saggiamente segreta la più importante, sotto il profilo orologiero, un cronografo per il quale sono stati chiesti 7 brevetti.

A very important novelty: Ref.5470 mono pusher chronograph 1/10″ with a lot of patents.

Leggi tutto

Patek Philippe in rosa…

…anzi in oliva, basandoci sul colore del quadrante del nuovo Twenty-4, collezione che dal 1999 è molto amata dal pubblico femminile che ne apprezza l’eleganza da sfoggiare in ogni ora e in ogni occasione. Più complesso, ovviamente il nuovo Ore del Mondo e con un classico blu l’orologio gioiello con le fasi di luna.

Three new Patek Philippe for Ladies: steel Twenty-4 with olive green dial, white gold and blue dial for Moon complication and gold case and olive green for World Time.

Leggi tutto

Patek Philippe novità 2022

Per la prima volta al Palaexpo, in occasione di Watch & Wonders, la Marca ginevrina ha fatto le cose in grande presentando una dozzina di novità e una selezione dei segnatempo d’Alto Artigianato, per i quali il 6 Aprile in città si inaugura la rassegna aperta al pubblico.

First time in Palaexpo Genevan Brand unveiled many watches and also some Rare Hand Craft public will be able to see from April 6th downtown.

Leggi tutto

Patek Philippe a Ginevra

Nel giugno del 2021 soloPolso ha dedicato diversi articoli all’Alto Artigianato della Maison ginevrina, presentando molti dei suoi capolavori, oggi torniamo sull’argomento perché in Rue du Rhône 41 la Patek Philippe sta preparando una grande mostra della nuova collezione 2022 d’Alto Artigianato, come sempre composta da pezzi unici o piccolissime serie.

If you like Métiers d’Art don’t miss next Patek Philippe Exhibition in Rue de Rhone since April 6th to 23rd, and register at Patek site in order to be able to see it; in the meantime we remember that soloPolso published in 2021 Summer many articles about wonderfully painted Dome and pocket watches by PP.

Leggi tuttop

Pay attention to technology

La moderna tecnologia è magnifica, però va impiegata con attenzione, sia in rete sia sulla carta stampata come è accaduto per PP Ref.5750P e, molti anni fa, per Blancpain e Breitling.

Modern technology is very useful, but before taking photograph or video, pay attention about their possible next dimensions, here I remember why.

Leggi tutto

Patek Philippe R.M.ref.5750P

Ieri la rete ha consentito a un ampio numero di appassionati di vedere in anteprima (con la precisazione da parte di Thierry Stern che notizie e immagini erano riservate) la nuova Ripetizione Minuti ref.5750 (con il modulo Fortissimo “ff”), cassa in platino ø 40 mm, spessore mm 6,05, Sigillo di Patek Philippe; tiratura limitata a 15 esemplari.

Yesterday Thierry Stern, Patek Philippe President, unveiled on web new Minute Repeater Ref.5750P; at the end after Season’s wishes and before movie, he said “enjoy yourself” and it was really marvellous to see working progress of this new watch.

Leggi tutto

Patek Philippe e il suo Museo

Facendo ordine tra i ricordi, in Agosto ho pubblicato il menu e l’invito del 5 Novembre per l’inaugurazione, vent’anni or sono, del Museo Patek Philippe. Oggi torno a scrivere di questa preziosa cassaforte ginevrina, e, come ho fatto per il XXV di Chopard, vado anche un po’ indietro rispetto ai vent’anni.

On August 25th we remembered Patek Philippe party (November 5th 2001) for the new Museum, now a longer article about XX (and more years) of this “precious safe building” in Geneva

Leggi tutto

Patek Philippe alla grande

In questo inizio di autunno abbiamo visto splendidi orologi gioiello e molto colore nei quadranti e nei cinturini delle novità orologiere, quasi un desiderio di prolungare la bella stagione. ma con Patek Philippe torniamo alle complicazioni dell’orologeria di tradizione.

Three new versions for Patek Philippe Chronographs, Ref. 5204, 5905 e 5930; shall we say enjoy yourself with high watchmaking even if you can’t buy them?

Leggi tutto

Ricordi di un anniversario

A Ginevra nel quartiere delle Banche, in Rue des Vieux-Grenadiers 7, nel 2001 veniva inaugurato il Museo di Patek Philippe che, aperto al pubblico, accoglie secoli di storia dell’orologeria con orologi, automi, miniature a smalto, objects de vertus, i Patek Philippe più significativi usciti di produzione, macchine e utensili del passato e un’imponente biblioteca con migliaia di volumi a tema.

Twenty years ago – 2001 November 5th – international specialized Press was invited for Patek Philippe Museum opening to public and I remember something strange happened

Leggi tutto