Caricamento immagini...

Patek Philippe Ref.6301P

Oggi Thierry Stern, president della Marca ginevrina, ha presentato un nuovo gran complicato, la Ref 6301P ispirata, con opportune modifiche ad altri capolavori della Casa, come ad esempio il Grandmaster Chime. Con questo modello si concludono le novità preparate per il 2020 e che abbiamo pubblicato in Giugno e Luglio, augurandoci che nel 2021, come detto da Thierry Stern, si possano vedere di presenza e non online,

A new Grand Complication watch has been unveiled today by Thierry Stern, president of Patek Philippe, it’s Grand and Petite Sonnerie, Répetition Minutes with a new movement and special details on the platine case-

La Ref.6301P è un Grand et petite sonnerie, ha la ripetizione minuti su tre gong e i secondi saltanti brevettati; custodisce nella cassa in platino ø 44,8  mm, spessore 12 mm, protetta solo contro umidità e polvere e con fondo in cristallo di zaffiro o pieno intercambiabili, il movimento Calibro GS 36-750 PS IRM derivato dal Calibro 300, sul quadrante nero in smalto Grand Feu lancette a foglia in oro bianco e analoghi indici Breguet applicati.

La puntualità è la virtù dei Re, ma per Patek Philippe meglio presentarsi in rete con cinque minuti di anticipo, anche perché le connessioni spesso lasciano a desiderare.

Jasmina Steel, PR internazionale, ha introdotto il presidente e i due responsabili della produzione, Philip Barat direttore Sviluppo sui Prodotti e Didier Faoro direttore laboratorio Haute Horlogerie, poi ci ha invitati a seguirla all’interno della Manifattura a Planlea-Ouates nella parte più nuova, quella inaugurata nella scorsa primavera.

Così è iniziato un viaggio all’interno del Calibro in un dedalo di ruotismi, sono 703 i componenti, soffermandoci su particolari come i secondi saltanti, il movimento dei martelli e quello del regolatore a volano inerziale che consente di regolare il tempo della suoneria fra un suono e l’altro. La carica è manuale, le A/h sono 25.200 (3,5Hz), a ore 9 l’indicazione della riserva di carica del movimento, 72 h, e a ore 3 quella della suoneria 24 h grazie a due coppie di bariletti montati in serie. Mentre nella Ripetizione Minuti, generalmente la suoneria viene riarmata ogni volta attivando il cursore o il pulsante di innesco, la Grand SONNERIE deve poter disporre sempre dell’energia sufficiente per battere al passaggio il numero di colpi desiderati.

C’è stato anche un simpatico intervallo quando Thierry Stern ha ascoltato il suono del uovo orologio, un gesto tradizionale perché ogni orologio musicale da Patek Philippe deve avere l’OK del presidente, oggi Thierry e ieri Philippe Stern, padre e figlio sono poi stati ripresi insieme e per chi da tanti anni segue l’orologeria, quell’immagine ha scatenato molti ricordi e commozioni.

Tornando alle novità dell’orologio c’è anche un piccolo particolare da rilevare: tra le anse è stato posizionato il cursore che da un lato attiva la Gran Sonnerie e dall’altro la Petite Sonnerie,in mezzo il silenzio; in quella posizione prima c’era il diamante che identifica i Patek Philippe con cassa in platino e che è stato spostato sulla cassa a ore 12; il pulsante per la Ripetizione Minuti è inserito nella corona.

Con questo orologio Patek Philippe inaugura un nuovo capitolo nella sua lunga storia di orologi musicali iniziata ormai da oltre 170 anni, mantenendo inoltre l’eleganza e la raffinatezza dei particolari sui vari ponti, da quello del bariletto al ponte del bilanciare, con smussature e levigature. A completamento ricordiamo lo spettacolo, che si offre allo sguardo degli appassionati, con il bilanciere Gyromax®, la spirale Spiromax® in Silinvar® e i tre timbri avvolti attorno al movimento, con i rispettivi martelli. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *