Caricamento immagini...

Panerai ø da 38 a 47 mm

Questa estate Panerai ha ricordato, a raffica, diversi nuovi modelli; soloPolso ha pubblicato in luglio i Radiomir Green, in agosto i Luminor e poco dopo sono arrivate altre notizie su nuovi Luminor Due automatici e su una versione dello Scienziato tourbillon GMT con dettagli verdi (a contrastare la valanga delle scelte blu), mentre in fatto di dimensioni delle casse si va dai 38 ai 47 mm.

Many novelties have been shown by Panerai in July and August, now we are writing about new Luminor Due steel or titanium case and self-winding movements.

Per quanto ricordiamo Rolex è stato in passato il primo a privilegiare il colore verde, adesso è la volta di Panerai che, dopo i Radiomir Green, presenta lo Scienziato Tourbillon GMT con dettagli verde e movimento scheletrato, cassa in titanio spazzolato, ø 47 mm, fondo in vero zaffiro, lunetta in carbotech, Calibro P20057T made in house, 31 rubini, 28.800 A/h, riserva di carica 6 gg grazie a tre bariletti. L’impiego del titanio nella cassa realizzata in 3D ha consentito di ridurre il peso del 40% arrivando a 96 gr, mentre per il movimento in titanio si è arrivati a una riduzione del 35° rispetto alla versione P/2005/5. Da notare anche che per una maggiore precisione la gabbia del tourbillon ruota su un asse che non è parallelo, ma perpendicolare a quello del bilanciere e compie una rotazione ogni 30″.

Luminor Due dall’alto in senso orario le versioni ø 38 mm PAM1043 in acciaio, PAM 1045 in Goldtech, PAM 1046 ø 42 mm in acciaio e PAM0964 GMT ø 45 mm

Rispetto alle novità che abbiamo pubblicato il 2 ottobre 2018, da rilevare che allora i movimenti erano a carica manuale, mentre adesso sono tutti automatici. Nella collezione Luminor Due tre versioni hanno la cassa in titanio satinato e altre tre in acciaio, per tutte lo spessore è più sottile di quello del passato. La Ref.PAM00926 cassa ø 38 mm è realizzata in titanio per la prima volta, la lunetta in titanio lucido e il quadrante blu; analogo anche il quadrante della Ref.PAM00927, che per la prima volta oltre alla cassa ø 42 mm in titanio, ha un movimento automatico. Ed eccoci a parlare di questo Calibro P900 che garantisce tre gg di carica e che troviamo nei Luminor Due ø 38 mm, Ref.PAM 00926, PAM 1043, PAM 1045 e nei Luminor Due ø 42 mm (Ref.PAM0027 e PAM 1046), Il Calibro P4002 (spessore 4,8mm grazie al microrotore decentrato bidirezionale in lega di tungsteno) equipaggia invece il Luminor Due GMT Power Reserve, cassa ø 45 mm (Ref.PAM00964), doppio fuso orario con indicazione riserva di carica sul quadrante blu, indicazione 24 h a.m/p.m., 3 gg di autonomia grazie a due bariletti, che ha anche un altro atout, è il primo 45 mm ad avere un cinturino intercambiabile con il sistema Quick Release.


Luinor Due in titanio: PAM00926 ø 38 mm e PAM00927 ø 42 mm

A questo punto viene spontaneo chiedersi “cui prodest” questo susseguirsi di novità? ci sono due correnti di pensiero, una squisitamente legata al marketing e alla vendita, visto che quasi sempre si tratta di tirature, se non dichiaratamente, almeno necessariamente limitate, e nel mondo si possono sempre trovare un certo numero di appassionati disposti all’acquisto. Sotto un altro profilo ci sembra possa generarsi un po’ di confusione, non fai a tempo di innamorarti di un modello che subito ce n’è uno nuovo; sarà la legge del mercato, ma ci sembra possa disorientare i fan della Marca. Comunque questi sono forse discorsi d’altri tempi, quando si acquistava un orologio dopo mesi di riflessioni perché il prezzo era al di sopra delle disponibilità e non lo si. considerava un accessorio-moda da abbinare all’abbigliamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *